Progetti‎ > ‎

VDI GA

Questo progetto ha consentito di introdurre una nuova modalità di fruizione del desktop aziendale che è passato dalla forma dei classici personal computer ad una forma remotizzata e virtualizzata. I desktop sono stati “migrati” all’interno dell’infrastruttura di virtualizzazione già operativa ma vengono acceduti attraverso l’uso di terminali locali. Questo approccio ha consentito una riduzione dei costi di gestione e manutenzione delle postazioni locali nonché un incremento dell’efficenza negli interventi di tipo sistemistico.


Introduzione


Questo progetto nasce dall’esigenza di riuscire a gestire in maniera più efficace e razionale le postazioni informatiche, per quanto concerne sia le postazioni di lavoro con limitate funzionalità (routine letture capi barcode, Controllo qualità, ecc...) sia quelle dedicate a personale amministrativo. Il sistema che si voleva realizzare doveva integrarsi, per quanto possibile, con gli altri sistemi e servizi informatici già presenti, attivi o in fase di attivazione.
L’idea che sta alla base del progetto è quella di sfruttare al meglio l’infrastruttura di virtualizzazione già presente, virtualizzando anche le macchine Desktop per godere di tutti i benefici in termini di flessibilità, scalabilità, sicurezza portati da questa tecnologia.
Le macchine desktop tradizionali (o Fat Client) vengono virtualizzate all’interno del datacenter e sono acceduto da terminali locali attraverso un protocollo di remotizzazione del desktop.
Nel momento dello studio di fattibilità del progetto si parlava di virtualizzazione solo riferendosi alle macchine server per il consolidamento del datacenter, in realtà si è visto quanto possa essere efficente adattare questa tecnologia ai desktop. L’idea quindi di applicare tali tecniche alla virtualizzazione dei client era quantomeno in anticipo sui tempi.


Tecnologie, Sistemi e Servizi

Al momento dello studio di fattibilità il CED disponeva delle seguenti risorse utili al progetto:
Sistema di virtualizzazione in tecnologia VMware (dal 3.0 fino alla 5)
Sistema di archiviazione fornito da un apparato SAN (prima IBM ora NETAPP)
Sistema di autenticazione basato su Active Directory in diversi domini (simintspa, simint, gaoperations, ecc)

Principali benefici della virtualizzazione

Partizionamento
Su un singolo server fisico posso eseguire più macchine virtuali, ognuna con il proprio Sistema operativo e le proprie applicazioni.
I server possono essere consolidati in macchine virtuali sul modello di ambedue gli approcci/architetture “scale-up” e “scale-out “.
Le risorse hardware possono essere assegnate alle macchine virtuali in maniera del tutto controllata.
Isolamento
Le macchine virtuali sono completamente isolate sia tra di loro che dal sistema operativo ospitante detto HOST. Se una macchina virtuale dovesse presentare dei problemi le altre resterebbero comunque in esecuzione e non ne verrebbero afflitte.
I dati sono contenuti soltanto all’interno dei files delle macchine virtuali e le applicazioni possono comunicare con l’esterno soltanto attraverso le connessioni di rete configurate.
Incapsulamento
Tutta la macchina virtuale è contenuta in pochi files, facili da spostare e/o copiare.
La compatibilità con i Sitemi Operativi e le applicazioni è garantita poiché l’hardware virtuale che viene emulato è identico a quello fisico. Il Sistema Operativo ospite non si accorge di essere in esecuzione su hardware virtualizzato.

Comments